Archivio Legislativo

Dettaglio notizia

 
   27-12-2002 - Legge - estratto
 

   Art. 61.
(Fondo per le aree sottoutilizzate ed interventi nelle medesime aree)

13. Nei limiti delle risorse di cui al comma 3 possono essere
concesse agevolazioni in favore delle imprese operanti in settori
ammissibili alle agevolazioni ai sensi del decreto-legge del 22
ottobre 1992, n. 415, convertito, con modificazioni, dalla legge 19
dicembre 1992, n. 488, ed aventi sede nelle aree ammissibili alle
deroghe previste dall'articolo 87, paragrafo 3, lettere a) e c) del
Trattato che istituisce la Comunita' europea, nonche' nelle aree
ricadenti nell'obiettivo 2 di cui al regolamento (CE) n. 1260/1999
del Consiglio, del 21 giugno 1999, che investono, nell'ambito di
programmi di penetrazione commerciale, in campagne pubblicitarie
localizzate in specifiche aree territoriali del Paese. L'agevolazione
e' riconosciuta sulle spese documentate dell'esercizio di riferimento
che eccedono il totale delle spese pubblicitarie dell'esercizio
precedente e nelle misure massime previste per gli aiuti a finalita'
regionale, nel rispetto dei limiti della regola "de minimis" di cui
al regolamento (CE) n. 69/2001 della Commissione, del 12 gennaio
2001. Il CIPE, con propria delibera da sottoporre al controllo
preventivo della Corte dei conti, stabilisce le risorse da
riassegnare all'unita' previsionale di base 6.1.2.7 "Devoluzione di
proventi" dello stato di previsione del Ministero dell'economia e
delle finanze, ed indica la data da cui decorre la facolta' di
presentazione e le modalita' delle relative istanze. I soggetti che
intendano avvalersi dei contributi di cui al presente comma devono
produrre istanza all'Agenzia delle entrate che provvede entro trenta
giorni a comunicare il suo eventuale accoglimento secondo l'ordine
cronologico delle domande pervenute. Qualora l'utilizzazione del
contributo esposta nell'istanza non risulti effettuata,
nell'esercizio di imposta cui si riferisce la domanda, il soggetto
interessato decade dal diritto al contributo e non puo' presentare
una nuova istanza nei dodici mesi successivi alla conclusione
dell'esercizio fiscale.

Art. 63.
(Incentivi alle assunzioni)

1. L'incentivo per l'incremento dell'occupazione, costituito da un
contributo attribuito nella forma di credito di imposta, e' prorogato
fino al 31 dicembre 2006 nel rispetto delle seguenti disposizioni:
a) gli incrementi occupazionali che rientrano nella misura massima
prevista dall'articolo 2 del decreto-legge 24 settembre 2002, n.
209, determinano anche per l'anno 2003 il diritto al contributo
negli importi stabiliti dall'articolo 7 della legge 23 dicembre
2000, n. 388, relativamente ai datori di lavoro nei cui riguardi
trova applicazione il citato articolo 2 del decreto-legge n. 209
del 2002. Per lo stesso anno 2003, ogni assunzione che da' luogo
ad un incremento della base occupazionale ulteriore rispetto alla
misura di cui al primo periodo attribuisce ai datori di lavoro
indicati nello stesso periodo, per l'intero territorio nazionale,
un contributo di 100 euro ovvero di 150 euro, se l'assunto e' di
eta' superiore ai quarantacinque anni, nel limite finanziario
complessivo di 125 milioni di euro. Nei casi di cui al secondo
periodo, se l'assunzione e' effettuata negli ambiti territoriali
di cui al comma 10 dell'articolo 7 della citata legge n. 388 del
2000, e' attribuito un ulteriore contributo di 300 euro nel limite
finanziario complessivo fissato con deliberazione del CIPE in
attuazione degli articoli 60 e 61 della presente legge, a valere
sui fondi previsti dagli stessi articoli;
b) dal 1 gennaio 2003 al 31 dicembre 2006, relativamente ai datori di
lavoro diversi da quelli di cui alla lettera a), e dal 1 gennaio
2004 al 31 dicembre 2006, relativamente ai datori di lavoro di cui
alla lettera a) per ogni assunzione che da' luogo ad un incremento
della base occupazionale, rispetto alla base occupazionale media
riferita al periodo tra il 1 agosto 2001 e il 31 luglio 2002, e'
attribuito il contributo di 100 euro ovvero di 150 euro nonche'
quello ulteriore di 300 euro, ai sensi del secondo e terzo periodo
della lettera a), a valere, per l'anno 2003, sulle stesse
dotazioni finanziarie di cui alla medesima lettera a) e, per gli
anni dal 2004 al 2006, relativamente ai contributi di cui al
secondo periodo della lettera a), nei limiti finanziari
complessivi di 125 milioni di euro annui, e, relativamente al
contributo di cui al terzo periodo della lettera a), nel limite
finanziario complessivo annuo fissato con deliberazione del CIPE
in attuazione degli articoli 60 e 61 della presente legge, a
valere sui fondi previsti dagli stessi articoli;
c) per le assunzioni di cui alle lettere a) e b) rimangono ferme, nel
resto, le disposizioni di cui al citato articolo 7 della legge n.
388 del 2000, in particolare quelle relative alle modalita' e ai
tempi di rilevazione delle assunzioni che determinano incremento
della base occupazionale.

2. Il contributo di cui al comma 1, lettera a), primo periodo,
puo' essere attribuito comunque non oltre il 31 dicembre 2003; quelli
di cui al comma 1, lettera a), secondo e terzo periodo, e lettera b),
possono essere attribuiti comunque non oltre il 31 dicembre 2006. In
entrambi i casi previsti dal primo periodo, i contributi possono
essere fruiti, solo mediante compensazione ai sensi del decreto
legislativo 9 luglio 1997, n. 241, anche successivamente a tali date,
in caso di incapienza.
3. Per maturare il diritto ai contributi di cui al comma 1,
lettera a), secondo e terzo periodo, e lettera b), i datori di lavoro
devono, in ogni caso, inoltrare al centro operativo di Pescara
dell'Agenzia delle entrate una istanza preventiva contenente i dati
stabiliti con provvedimento del direttore della medesima Agenzia,
emanato entro il 31 gennaio 2003, occorrenti per stabilire la base
occupazionale di riferimento, il numero, la tipologia, la decorrenza
e la durata dell'assunzione, l'entita' dell'incremento occupazionale
nonche' gli identificativi del datore di lavoro e dell'assunto. I
contributi di cui al periodo precedente possono essere fruiti ai
sensi del comma 2 solo dopo l'atto di assenso adottate espressamente
dall'Agenzia delle entrate entro trenta giorni dal ricevimento
dell'istanza. Nel rendere l'atto di assenso, l'Agenzia delle entrate,
d'intesa con il Dipartimento della Ragioneria generale dello Stato
del Ministero dell'economia e delle finanze, tiene conto altresi', in
funzione dei dati raccolti ai sensi del primo periodo, della
proiezione degli effetti finanziari sugli anni successivi, in
considerazione dei limiti di spesa progressivamente impegnati nel
corso dell'anno in ragione dei contributi assentiti. Per la gestione
delle istanze trovano applicazione, in quanto compatibili, le
disposizioni dell'articolo 6 del regolamento di cui al decreto del
Ministro delle finanze 3 agosto 1998, n. 311.
4. Le disposizioni di cui ai commi 1 e 2 non incidono sui diritti
di utilizzazione dei crediti di imposta previsti dall'articolo 2,
comma 1, terzo periodo, del decreto-legge 24 settembre 2002, n. 209,
relativamente ai quali non operano i limiti finanziari di cui al
comma 1, lettere a) e b), del presente articolo.
5. Al maggiore onere derivante dall'attuazione del presente
articolo, pari a 725 milioni di euro per l'anno 2003, si provvede
mediante corrispondente utilizzo dell'autorizzazione di spesa di cui
all'articolo 8 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, come modificata
dall'articolo 10, comma 1, lettera b), del decreto-legge 8 luglio
2002, n. 138, convertito, con modificazioni, dalla legge 8 agosto
2002, n. 178.

Art. 80.
(Misure di razionalizzazione diverse)

34. Al comma 1 dell'articolo 146 della legge 23 dicembre 2000, n.
388, dopo le parole: "per il 2001" sono inserite le seguenti: "e di 2
milioni di euro per l'anno 2003".
35. Il finanziamento annuale previsto dall'articolo 52, comma 18,
della legge 28 dicembre 2001, n. 448, e' incrementato di 5 milioni di
euro a decorrere dall'anno 2003. Limitatamente al 2003 la predetta
somma e' incrementata di ulteriori 5 milioni di euro.

Art. 89.

(Contributo per l'acquisto o il noleggio di ricevitori per la
televisione digitale terrestre e per l'accesso o larga banda ad
Internet)

1. Per l'anno 2003, in sostituzione di quanto previsto
dall'articolo 22 della legge 5 marzo 2001, n. 57, alle persone
fisiche, ai pubblici esercizi e agli alberghi che acquistano o
noleggiano un apparato idoneo a consentire la ricezione dei segnali
televisivi in tecnica digitale terrestre (T-DVB) e la conseguente
interattivita', e' riconosciuto un contributo statale pari a 150
euro.
2. Un contributo statale pari a 75 euro e' altresi' riconosciuto
alle persone fisiche o giuridiche che acquistano o noleggiano o
de-tengono in comodato un apparato di utente per la trasmissione o la
ricezione a larga banda dei dati via Internet. Il contributo e'
corrisposto mediante uno sconto di ammontare corrispondente,
praticato sull'ammontare previsto nei contratti di abbonamento al
servizio di accesso a larga banda ad Internet, stipulati dopo il 1
dicembre 2002.