Archivio Legislativo

Dettaglio notizia

 
   30-03-2006 - Delibera Autorità 
 

  

La legge 23 dicembre 2005, n. 266, recante "Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato (legge finanziaria 2006)" all’art. 1, commi 65, 66 e 68, ha modificato il sistema di entrate delle Autorità disponendo che le spese di funzionamento non garantite dal finanziamento statale, siano finanziate dal mercato di competenza.

La contribuzione, nel rispetto dei limiti massimi previsti per legge, i termini e le modalità di versamento, sono fissati dalle Autorità, con proprie delibere, da sottoporre per l’approvazione al Presidente del Consiglio dei ministri, sentito il Ministro dell’economia e delle finanze; è previsto il silenzio assenso decorsi 20 giorni dal ricevimento delle medesime.

Il comma 66 dell’art. 1 della citata legge, in particolare, ha previsto che per l’anno 2006, l’entità della contribuzione posta a carico dei soggetti operanti nel settore della comunicazione è fissata in misura pari all’1,5 per mille dei ricavi risultanti dall’ultimo bilancio approvato prima dell’entrata in vigore della legge 266/2005 (1° gennaio 2006).

La delibera n. 110/06/CONS del 2 marzo 2006 concernente "Misura e modalità di versamento del contributo dovuto all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni per l’anno 2006", approvata con DPCM del 14 marzo 2006, pubblicata nella Gazzetta Ufficiale – Serie generale n. 74 del 29 marzo 2006, oltre a fissare la percentuale di calcolo della contribuzione nell’ 1,50 per mille così come previsto dalla legge 266/2005, art. 1, comma 66, contiene alcune novità rispetto alle disposizioni previste nei provvedimenti ministeriali degli anni pregressi. In particolare si segnalano il nuovo sistema di esenzioni e i diversi termini per il versamento del contributo e l’invio della comunicazione.

Ciò posto, al fine di agevolare la puntuale applicazione della delibera stessa, si forniscono le seguenti specifiche istruzioni.

1. Soggetti tenuti al versamento del contributo.

I soggetti tenuti al versamento del contributo, di cui all’art.1, comma 1, della delibera n.110/06/CONS del 2 marzo 2006 sono quelli operanti nelle categorie individuate all’art.1, lettere da a) a g del decreto 17 maggio 2002, che di seguito si riportano, per categorie generali:

CAT.

DESCRIZIONE

a)

Fornitori di servizi pubblici di telecomunicazione e/o di reti pubbliche di telecomunicazione;

b)

Emittenti televisive;

c)

Emittenti radio, anche cavo e satellite;

d)

Editori;

e)

Concessionarie di pubblicità;

f)

Fornitori di servizi telematici;

g)

Produttori e distributori di programmi radiotelevisivi.

Sia la legge 266/2005, art. 1, comma 66, che la citata delibera n.110/06/CONS, art. 1, fanno esplicito riferimento ai ricavi iscritti nell’ultimo bilancio approvato, pertanto i soggetti tenuti al versamento del contributo sono tutti quelli che, rientrando nelle categorie sopra richiamate, svolgono la loro attività nella veste giuridica di società di capitali e/o enti obbligati all’approvazione del bilancio per legge.

2. Determinazione dei ricavi su cui calcolare il contributo (art. 1)

La percentuale del contributo quantificata nella misura dell’ 1,50 per mille dalla legge 266/2005, va applicata sul totale dei ricavi iscritti alla voce A1 (ricavi delle vendite e delle prestazioni) dell’ultimo bilancio approvato prima del 1° gennaio 2006, con esclusione di quelli conseguiti a fronte di attività non riconducibili tra i servizi regolamentati dall’Autorità, sono altresì da escludere le quote riversate agli "operatori terzi".

Dal computo dei ricavi assoggettabili a contribuzione sono esclusi, ad esempio, i ricavi relativi al traffico da interconnessione uscente e riversati a terzi operatori, la parte di ricavi fatturata e successivamente riversata ai committenti editori e/o emittenti.

Inoltre, dal computo dei ricavi assoggettabili a contribuzione sono esclusi i ricavi conseguiti dagli editori dalla vendita dei c.d. "prodotti collaterali" quelli, cioè, il cui acquisto non costituisce obbligo per l’acquirente del quotidiano o del periodico.

3. Esenzione dal versamento del contributo (art. 2)

Per l’anno 2006 non versano il contributo:

  • le imprese che si trovano in liquidazione e/o sottoposte a procedure concorsuali;
  • le imprese, con ricavi assoggettabili a contribuzione determinati come sopra indicato, pari o inferiori a 500.000,00 euro. Oltre tale soglia il contributo è calcolato sull’intero importo dei ricavi assoggettabili;
  • le imprese che hanno iniziato la loro attività nell’anno 2005, in considerazione che per il calcolo del contributo il parametro di riferimento sono ricavi dell’ultimo bilancio approvato prima dell’entrata in vigore della legge 266/2005. (1° gennaio 2006).
  • I soggetti che si trovano in una delle suddette fattispecie, pur essendo esentati dal versamento, sono tenuti, comunque, a presentare la comunicazione di cui all’art. 4, commi 1 e 2 della delibera 110/06/CONS.

4. Modalità e termini del versamento (art. 3)

Il versamento del contributo deve essere effettuato sul c/c bancario n. 000027003095 ABI 01010 CAB 03494 CIN L, intestato all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni.

Nella causale oltre l’indicazione: "contributo 1,50 per mille dovuto all’AGCOM per l’anno 2006", devono essere specificati la ragione sociale, partita IVA e/o codice fiscale.

Il versamento dovrà essere effettuato entro il 30 aprile 2006.

5. Modalità e termini della comunicazione (art. 4)

Sono tenuti alla comunicazione di cui all’art. 4 tutti i soggetti operanti nelle categorie di cui all’art. 1 comma 1, del decreto 17 maggio 2002 anche se esentati dal versamento del contributo. Tale comunicazione deve essere effettuata, utilizzando l’apposito modello da trasmettere, per posta o via fax (n. 0817507520), all’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni in uno alla copia della attestazione dell’avvenuto versamento, ove previsto, entro e non oltre il 31 maggio 2006.

6. Modello per la comunicazione

Il modello da utilizzare è suddiviso in due sezioni:

Sez. 1: Riferimenti anagrafici: si segnala l’esigenza di compilare integralmente i campi ivi riportati.
Sez. 2: Valori contabili e Categorie di appartenenza: per tale sezione gli operatori devono fornire i sottoindicati elementi:

    • Ammontare complessivo dei ricavi conseguiti: deve essere riportato il totale dei ricavi conseguiti relativi all’intero valore della produzione, di cui alle voci da A1 ad A5 del bilancio;
    • Ammontare complessivo dei ricavi conseguiti assoggettati e/o esenti: deve essere indicata la somma dei ricavi, relativi alla voce A1 del bilancio, conseguiti a fronte delle attività ricadenti nelle tipologie previste dal decreto 17 maggio 2002 all’art.1 comma 1, lettere da a) a g), anche se esenti; non vanno, invece, indicati i ricavi della stessa voce A1 non rientranti nelle attività innanzi richiamate;
    • Categoria di appartenenza prevalente: nell’ipotesi in cui un soggetto svolga contemporaneamente più attività rientranti nelle categorie previste dal decreto 17 maggio 2002 all’art.1 comma 1, dovrà indicare la categoria prevalente determinata in relazione ai ricavi.

Per la compilazione della tabella prevista nel modello di comunicazione si forniscono ulteriori chiarimenti:

  • CAT. (categoria di appartenenza), indicare la lettera corrispondente all’attività esercitata es.: b), d), e);
  • ATTIVITA’ ESERCITATA descrizione della categoria di appartenenza: es. (emittente televisiva, editore, concessionaria di pubblicità, etc.);
  • codice Istat correlativo;
  • ricavi imponibili - Col. A - ammontare dei ricavi su cui calcolare il contributo dello 1,50 per mille;
  • ricavi esenti/esclusi - Col. B – ammontare dei ricavi relativi alle quote riversate agli operatori terzi;
  • in corrispondenza delle righe contraddistinte dalla voce "Resid."(Residuali), vanno indicati i ricavi residuali della voce A1 conseguiti a fronte di attività non rientranti in quelle ricadenti nelle tipologie di cui all’art.1, comma 1, lettere da a) a g) del decreto 17 maggio 2002 e quelli relativi alle voci da A2 ad A5 del bilancio. La somma dei totali delle colonne A e B deve corrispondere all’ammontare complessivo dei ricavi conseguiti ed indicati nel modello alla voce "Ammontare complessivo dei ricavi conseguiti".

La voce "quota ricavi esente" è pari o inferiore ad € 500.000,00 di ricavi imponibili. Si ribadisce, pertanto, che i soggetti con ricavi imponibili superiori a tale limite devono applicare la percentuale di contribuzione pari all’1,50 per mille sull’intero imponibile.

La voce "CONTRIBUTO" riporta la formula per la determinazione dello stesso

Nelle note vanno indicate le motivazioni della non assoggettabilità al contributo dei ricavi esenti e/o esclusi.

Ulteriori righe possono aggiungersi per le voci residuali, qualora si rendessero necessarie per l’esposizione dei dati contabili.

Al fine di agevolare ulteriormente la compilazione della sezione 2 del modello, si riporta il seguente esempio:

Operatore ALFA

  • attività prevalente: concessionaria di pubblicità; codice Istat 74400, ricavi conseguiti:
    € 1.250.000,00 suddivisi in:
    • € 950.000,00 a fronte di pubblicità, di cui quota rimessa all’editore € 600.000,00;
    • € 200.000,00 volantinaggio e cartellonistica
  • altra attività esercitata: vendita di gadget, materiale pubblicitario, codice Istat 52489, ricavi conseguiti € 100.000,00;
  • altra attività esercitata: emittente radio, codice Istat 92200, ricavi conseguiti € 200.000,00;
  • ricavi delle voci da A2 ad A5 del bilancio € 50.000,00.
  • Ammontare complessivo dei ricavi conseguiti: € 1.500.000,00
  • Ammonare complessivo della produzione (voci da A1 ad A5 del bilancio).
  • Ammontare complessivo dei ricavi conseguiti assoggettati e/o esenti: € 1.150.000,00
  • Somma dei ricavi conseguiti dalla pubblicità, cat. e) dall’attività di emittente radio, cat. c).
  • Categoria di appartenenza prevalente: e) concessionaria di pubblicità
     

A

B

Cat.

Attività Esercitata

Cod. Istat

Ricavi imponibili €:

Ricavi esclusi/esenti €: *

e)

Conc. Pubbl.

74400

350.000

(1) 600.000

c)

Emittente Radio

92200

200.000

 
         
         

Resid

Totale ricavi Voce A1

 

………………………

(2) 300.000

Resid

Altro (voci da A2 ad A5)

 

………………………

(2) 50.000

 

TOTALE

550.000

950.000

CONTRIBUTO: 1,50 x A / 1000

825

 

Quota ricavi esente (vedi istruzioni)

500.000

 

ESTREMI DEL VERSAMENTO: (Allegare fotocopia della ricevuta)

* NOTE: fornire le motivazioni dell’esclusione /esenzione

(1) quote riversate agli operatori terzi: editore

(2) ricavi esclusi, conseguiti a fronte di attività non previste all’art.1 comma 2

Per ogni ulteriore informazione e chiarimento sarà possibile contattare l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Ufficio Bilancio e Contabilità, nella persona del dott. Vincenzo Diomaiuta dal lunedì al venerdì dalle ore 9,30 alle ore 13,30 e dalle ore 14,30 alle ore 16,30 al numero telefonico 0817507850, oppure telefonando al numero verde 800495533.

Napoli, 30 marzo 2006

Il Direttore
Servizio amministrazione e personale
(Nicola Sansalone)